POVERO DIAVOLO

“Povero diavolo” è il nome freudiano del perverso (vedi ieri, Quel cretino del diavolo).

Potremmo anche chiamarlo “sublime”, il sotto dell’architrave dell’essere.

L’essere non è altro che un artificio come presupposto del basso:
l’espressione “animale umano” designa una costruzione a due piani:
Freud scriveva che “l’uomo non è una costruzione a due piani”.

lunedì 9 marzo 2015

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.