POVERI MA INTELLIGENTI

“Siamo sempre più intelligenti” è il titolo di un recente articolo [1] sull’economia intellettuale dell’umanità (“crescita” del QI) secondo la Psicologia:
ricorda il titolo di quel vecchio film “Poveri ma belli” (Dino Risi, 1957), il danno e le beffe, consolazioni ingiuriose.

Provate a pensare la qualità dell’atto intellettuale di chi un giorno si svegliasse − “Svegliati!” diciamo a qualcuno che vorremmo vedere più intelligente − realizzando quanto è stupido:
migliorerebbe anche la sua economia materiale, perché l’intelligenza riguarda gli atti, la loro composizione.

Cambieremmo la Civiltà se avocassimo alla nostra competenza individuale il giudizio “Intelligenza” di cui restiamo espropriati.

__________________

[1] Maria Novella de Luca, Elena Dusi, Siamo sempre più intelligenti, Repubblica martedì 3 marzo.

giovedì 5 marzo 2015

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.