POVERI MA INTELLIGENTI

“Siamo sempre più intelligenti” è il titolo di un recente articolo [1] sull’economia intellettuale dell’umanità (“crescita” del QI) secondo la Psicologia:
ricorda il titolo di quel vecchio film “Poveri ma belli” (Dino Risi, 1957), il danno e le beffe, consolazioni ingiuriose.

Provate a pensare la qualità dell’atto intellettuale di chi un giorno si svegliasse − “Svegliati!” diciamo a qualcuno che vorremmo vedere più intelligente − realizzando quanto è stupido:
migliorerebbe anche la sua economia materiale, perché l’intelligenza riguarda gli atti, la loro composizione.

Cambieremmo la Civiltà se avocassimo alla nostra competenza individuale il giudizio “Intelligenza” di cui restiamo espropriati.

__________________

[1] Maria Novella de Luca, Elena Dusi, Siamo sempre più intelligenti, Repubblica martedì 3 marzo.

giovedì 5 marzo 2015

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.