LA MISERIA – MATERIALE, PSICHICA, POLITICA – DELLE MASSE

Riprendo le due preghiere politiche di ieri, che chiamo preghiere perché queste, se lo sono e non sono cerimoniali ossessivi, implicano l’universo (l’ossessione è psichismo provinciale):
ecco perché il piatire dei poveri non sortisce niente, neppure se assume la materia del gridare (magari per i “diritti”):
“preghiera” significa che non faccio tutto io, anzi che non ci penso neanche.

Alla “massa” −  legame impersonale di tutti con tutti − Freud ha dedicato molta attenzione, fino a definire l’innamoramento una massa a due, in cui cioè non c’è nessuno (più poveri di così!):
regolarmente accompagnata da povertà materiale, lo è anche da povertà psichica (“miseria psicologica delle masse”):
secondo me è il principale problema della politica.

Lo chiamo “problema” perché non è affatto certo che le Istituzioni politiche ne beneficino.

Non ripeto il solito incomprensibile, ossia che il legame di massa non è giuridico, e non è amoroso, e porta male.

venerdì 20 marzo 2015

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.