LA META-BANALITÀ DEL MALE

La metafisica plurimillenaria è una banalità orchestrata (da “orchestra”).

L’Isis è i Wiener Philarmoniker del sublime, l’essere del delightful horror di Edmund Burke.

La TV non ha censurato l’horror ma il delightful:
infatti quanti orribili Lager abbiamo visto senza censura?

Si è trattato di una lezione accademica ipermoderna di filosofia, con effetti speciali:
il Nazismo andava ancora in bianco e nero.

Coglie di sorpresa la timidezza dell’insegnamento universitario.

(dalla mia Prefazione del Laboratorio filosofico di Freud, Sic Edizioni, a cura di Verenna Ferrarini, imminente).

THINK!
Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.