INNAMORAMENTO COME MALATTIA FILOSOFICA

Chi l’avrebbe detto che l’innamoramento è una malattia filosofica? (metafisica):
essa è molto cantata, ma non è un bel canto:
la musica di Verdi rimuove gli stupidi testi da feuilleton della Traviata e Aida:
su musica e rimozione tutto resta da scrivere.

É come dico, infatti l’innamoramento ama l’essere (stabile) aldilà dell’apparenza (in divenire, instabile):
ma appena l’essere mi appare per quello che è, li ucciderei tutt’e due.

Finisce male, e non è impossibile riconoscere che non era cominciata bene.

Piace tanto ai preti, ma sull’innamoramento quasi tutti sono preteschi.

mercoledì 4 marzo 2015

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.