OIKOUMÈNE MALAVITOSA

Sabato domenica 7-8 febbraio 2015
in anno 158 post Freud amicum natum

 

Ho apprezzato un sogno in cui la mia paziente viaggia con me attraverso una oikouméne alternante un Medioriente pericoloso e una Sicilia mafiosa, attraversata anche da un vociale famigliare sgradevole, per arrivare a un divano ricoperto da un tappeto orientale sudicio sul quale accetta di distendersi a condizione di ricoprirlo con un panno pulito:
non poteva pensare (“sognare”) meglio
(Medioriente non significa pericolo, Sicilia non significa mafia, divano o tappeto non significa sudicio  come neppure il sesso, voce non significa sgradevole, parola non significa menzogna).

Una persona normale, individualmente non statisticamente sana – la statistica è distribuzione variabile della malavitosità -, è quella che ha colto che abitiamo una malavita umana duplice – notabene, non ho detto  che ci sono due malavite -, quella di società-cultura con censura anche su questa, e quella psicopatologica, che da decenni si cerca di negare, e anzitutto di negare come appartenente alla medesima categoria “malavita”.

Anche il paranoico è malavitoso, come lo è l’anima bella o isteria, in generale la psicopatologia
(la Fenomenologia dello Spirito di Hegel andrebbe studiata in Psichiatria e Psicologia):
con la psicopatologia Freud ha fatto scuola di pensiero e di morale:
con disappunto del prete che ne è tagliato fuori, eppure era al corrente di accidia, invidia, superbia, ma è subito inciampato nella lussuria.

Una persona normale distingue grano da zizzania, e non strappa la seconda, piuttosto fa della botanica spirituale e pratica.

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.