L’OMBRA DELLA CAMELIA

La camelia è un bel fiore, ma l’ho riconosciuta da poco pur conoscendola da molto.

Il veicolo che me l’aveva portata anzi imposta era quello di un sentore malato, remotamente putrido, simile al “marciume nobile” cartesiano, in passato mi ha richiamato l’odore dei gambi dei fiori di chiesa dopo alcuni giorni, o dell’acqua dei loro vasi dopo che siano stati gettati, un senso di malaticcio, come appunto quello della Signora dalle camelie di Alexandre Dumas jr. e della Traviata di Verdi:
io non avevo la camelia ma questa loro ombra, o anche predicato.

Adduco ciò che riferisco come un esempio del precisissimo detto di Freud sul destino dell’oggetto nella melanconia:
“L’ombra dell’oggetto cade sull’io”.

lunedì 9 febbraio 2015

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.