DAL NON SERIO AL GRAVE, O LA CAUSALITÀ CRETINA

Nel Sommario di questo libro regalatomi [1] sulla crisi economica, figura questo titolo di paragrafo:
“La situazione è grave ma non è seria”:
ne convengo e commento.

Il non serio cui penso io trova esempio in quello adolescenziale dei ragazzini che gettano sassi dal cavalcavia con effetti gravi, e poi ridono:
è un esempio della maniacalità nonché criminalità dell’adol-essenza, tra cavalieri della Tavola rotonda e supereroi della Marvel (gli uni e gli altri se la passano male con le dame).

Alcuni poi si riprendono, altri invece passano alla serietà solo per superamento della non serietà (magari condannando i precedenti), con effetti sempre gravi  (sui quali poi piangono con serietà, penso al pianto del sadico sulla sua vittima).

Il nostro mondo, intendo quello di oggi più che di ieri, è un bizzarro composto di cui la causalità cretina, inattesamente ubicata, è una componente tendente a egemone:
se scoperta come ogni scoperta essa scompiglierebbe beneficamente le nostre idee sulla causalità dei nostri disastri.

____________________

[1] Alberto Bagnai, L’Italia può farcela, il Saggiatore 2014.

mercoledì 18 febbraio 2015

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.