DAL NON SERIO AL GRAVE, O LA CAUSALITÀ CRETINA

Nel Sommario di questo libro regalatomi [1] sulla crisi economica, figura questo titolo di paragrafo:
“La situazione è grave ma non è seria”:
ne convengo e commento.

Il non serio cui penso io trova esempio in quello adolescenziale dei ragazzini che gettano sassi dal cavalcavia con effetti gravi, e poi ridono:
è un esempio della maniacalità nonché criminalità dell’adol-essenza, tra cavalieri della Tavola rotonda e supereroi della Marvel (gli uni e gli altri se la passano male con le dame).

Alcuni poi si riprendono, altri invece passano alla serietà solo per superamento della non serietà (magari condannando i precedenti), con effetti sempre gravi  (sui quali poi piangono con serietà, penso al pianto del sadico sulla sua vittima).

Il nostro mondo, intendo quello di oggi più che di ieri, è un bizzarro composto di cui la causalità cretina, inattesamente ubicata, è una componente tendente a egemone:
se scoperta come ogni scoperta essa scompiglierebbe beneficamente le nostre idee sulla causalità dei nostri disastri.

____________________

[1] Alberto Bagnai, L’Italia può farcela, il Saggiatore 2014.

mercoledì 18 febbraio 2015

THINK!
Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.