“DIO PERDONA IO NO”

É il titolo del western italiano di Giuseppe Colizzi, 1967, il primo con la coppia Bud Spencer-Terence Hill.

É anche il motto dello psicoanalista, che non perdona le patologie ma, amando la buona compagnia, offre una via di soluzione.

Delitto è un atto che ha come effetto un danno (c’è atto se ha un inizio, ossia non è effetto di una causa):
il perdono è il finale di un processo che termina con il giudizio (imputazione) sull’atto, senza proseguire nella sanzione penale:
perdonare uno significa dargli del bastardo (come a quello che mi ha dato lo schiaffo):
privo com’è di sanzione e anche di vendetta, il perdono è senza pietà;
non è affatto amore, e neppure tolleranza.

Sto così facendo una scoperta:
il perdono  ha successo nell’ottenere che quel primo Diritto (non naturale) di cui l’individuo è la san(t)a sede, sia esente da diritto penale (che implica la sanzione penale) come invece il secondo Diritto, quello comunemente inteso.

Ma neanche Dio perdona, se non nell’accezione detta (giudizio senza sanzione):
infatti se “perdono” non significasse giudizio solidamente mantenuto e rimandato al mittente, e Dio prendesse con sé in “Paradiso” un isterico o un paranoico, per Lui sarebbe finita malgrado la sua bella onnipotenza:
salvo che li droghi tutti come degli Hashishin, le schiere celesti come assassini militanti.

La paranoia inverte la direzione del giudizio da sé ad altri:
così abolisce il giudizio.

mercoledì 7 gennaio 2015


THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.