ORO, INCENSO E MIRRA (ter)

Eterogenesi dei figli [1]

Con il medesimo titolo, ho scritto il primo a Natale 2010 e il secondo a Natale 2011.

Oro incenso e mirra non sono doni, esborsi per il bisogno di un altro che vive di bisogni – ciò veicola l’errore della Teoria o credenza che si vive sulla guida del bisogno, o Teoria dell’uomo-animale -, bensì atti formali di riconoscimento dell’autonoma sovranità di qualcuno che non abbisogna di doni:

i celebri “Re Magi” non regalano orsetti di peluche, insomma niente Babbo Natale:

Enrico V si è molto arrabbiato quando gli hanno regalato palle da tennis.

Se ci risolviamo a trattare l’uomo (a partire dall’uomo neonato) come figlio, il che io faccio in seguito a Freud, significa che distinguiamo tra fonti, o tra fonte e causa:

la causa è quella designata dall’espressione “dalla carne e dal sangue”, fusione di due gameti  tradizionalmente per congiunzione sessuale o fecondazione altrettanto tradizionalmente eterologa [2], ossia la causalità naturale (“animale umano”);
la fonte è quella designata dall’espressione “il verbo si è fatto carne”, applicabile al bambino se solo lo osserviamo nei primi due anni di vita, in cui non deve nulla alla Cultura e all’educazione se non per le materie fornite dall’esterno, anzitutto fonetiche subito elaborate autonomamente, coerentemente e consistentemente, come materie prime (chiamo “verbo” questa facoltà primaria di elaborazione intellettuale e motoria):
e la lingua fu in intellectu e in lingua oris (nel bambino non c’è “problema” mente/corpo):
il figlio è eterogenetico rispetto alla causalità naturale, e lo  resterà (anche nella patologia).

Preso come racconto della verità psicologica e non della verità storica, il racconto di Gesù parla  dell’eterogenesi degli uomini-figli:
l’assumerlo come racconto della verità storica ha conseguenze.

I figli hanno sempre parlato del “Padre”, di solito malissimo per il tradizionale equivoco lessicale tra il papà (con implicazione dei sessi) e il Padre della Legge:
presto vorrei parlare del possesso legittimo – e della sua fonte, ma se ha una fonte si tratta di eredità -, distinguendolo  dalla proprietà.

“Come nascono i bambini?” è la questione di cui Freud ha sostenuto la dignità scientifica:
vorrei rinnovarla a ripartire da quanto precede.

Riprenderò appena dopo l’Epifania, mercoledì 7 gennaio 2015.

_______________

[1] “Eterogenesi dei fini” è una felice espressione di successo che dobbiamo a Wilhelm Wundt (1832-1920).

[2] Rammento che in sé l’eterologa è antica come il mondo, o almeno come l’infedeltà coniugale.
Nel caso di Gesù si tratta di eterologa taumaturgica, e incestuosa

Natale 2014 (oggi 22 dicembre)

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.