“POVERO BAMBINO!” E LA GUARIGIONE

Fin da bambino udivo l’espressione “Povero bambino!” rivolta a neonati, per lo più con il sorrisino sulle labbra:
se quel bambino avesse un angelo custode muscoloso e suscettibile, il diffamatore passerebbe un brutto quarto d’ora.

Questa espressione è importante perché rende presente in forma popolare il presupposto pauperistico di ogni discorso a noi  noto (oggi evidenzio anzi svergogno specialmente quello dell’“animale umano”):
il presupposto si ritrova nel risultato, cioè produce povertà, di massa come sempre.

Quello di guarigione non è un concetto difficile:
è guarito uno che passa a non dire più “Povero bambino!”

mercoledì 19 novembre 2014

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.