NATÍO BORGO SELVAGGIO, CULTURA, SIMBOLICO

Bene accolto alla 71° Mostra del cinema di Venezia, il film di Mario Martone su Giacomo Leopardi, Il giovane favoloso, ha dato inizio finalmente all’ortodossia su tale filosofo, come tale autore versatile anche di versi, tanto maltrattati quanto esaltati: (promoveatur ut …”).
peccato per quel “favoloso” che lo ricaccia indietro.

Della sua opera filosofica in versi fa parte la trilogia lirica de foemina, in cui “La Donna” è riconosciuta come pensiero delirante (“dominante”) degli uomini:
non delle donne (“non cape in quelle anguste fronti ugual concetto”).

Leopardi è Leopardi perché il “natìo borgo selvaggio” di Le ricordanze, il “soggiorno disumano” dell’animale umano in cui è “dannato”, non è il paesino autobiografico bensì il mondo.

Il “borgo” di Leopardi è la “Cultura” di Freud, il “Simbolico” di J. Lacan, che ho anche chiamato “cielo infernale”:
non la lingua, con la quale Leopardi lavora tanto bene.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.