IL PRESUPPOSTO ANIMALE, DOGMATISMO SENZA DOGMA

Siamo sempre lì, colti e meno colti, da qualsiasi parte si prendano le cose, in filosofia, religione, teologia, ideologia scientifica (genetica e neuroscientifica), psicologia, amore e, not least, in psicopatologia:
lì al presupposto dell’animale umano.

J. Derrida si è dedicato a sostenerlo, e il mio maestro e analista J. Lacan non se ne è mai staccato (ho tardato a riconoscerlo).

La cosa ci riguarda non meno del lavoro per mettere il pane in tavola, per procurare la tavola su cui metterlo e la casa arredata dalla tavola, per difendere benché obtorto collo la città dell’abitare con tavolo e letto.

Introduce al Simposio annuale della “Società Amici del Pensiero” intitolato La dogmatica del pensiero dopo Freud, e la psicopatologia, l’articolo di Maria Delia Contri dal medesimo titolo (leggi).

lunedì 10 novembre 2014

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.