IL PRESUPPOSTO ANIMALE, DOGMATISMO SENZA DOGMA

Siamo sempre lì, colti e meno colti, da qualsiasi parte si prendano le cose, in filosofia, religione, teologia, ideologia scientifica (genetica e neuroscientifica), psicologia, amore e, not least, in psicopatologia:
lì al presupposto dell’animale umano.

J. Derrida si è dedicato a sostenerlo, e il mio maestro e analista J. Lacan non se ne è mai staccato (ho tardato a riconoscerlo).

La cosa ci riguarda non meno del lavoro per mettere il pane in tavola, per procurare la tavola su cui metterlo e la casa arredata dalla tavola, per difendere benché obtorto collo la città dell’abitare con tavolo e letto.

Introduce al Simposio annuale della “Società Amici del Pensiero” intitolato La dogmatica del pensiero dopo Freud, e la psicopatologia, l’articolo di Maria Delia Contri dal medesimo titolo (leggi).

lunedì 10 novembre 2014

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.