CRETINO CHE SONO STATO!

La psicopatologia è del pensiero, che in essa è debilitato quanto alla riuscita del principio di piacere:
è in questo che c’è intelligenza (l’intelligenza non è matematica).

Riconoscere “cretino che sono stato!” è l’initium sapientiae come inizio della guarigione e dell’intelligenza.

E’anche introduzione alla modestia morale, con riconoscimento dell’immodestia del cretinismo (la psicopatologia è immodesta, apicalmente nel narcisismo schizofrenico).

Non è una battuta anticristiana l’osservare, come ho già fatto, che “cretino” viene da “cristiano” (anche più chiaramente in francese,crétin-chrètien):
noi cristiani eccelliamo nel definirci “peccatori”, dunque dovrebbe esserci più facile il titolo di questo articolo.

Il “diavolo” è il Sommo Idiota che si crede il più bello (un superlativo insensato, perfino gli attributi teologici della divinità lo hanno evitato):
eternamente impuntato a non dire mai “cretino che sono stato!”

Se scrivessi un libro di Storia del cristianesimo lo intitolerei Cretino! come ricapitolazione della storia dell’umanità (che è l’aspirazione stessa del cristianesimo secondo San Paolo, “anàkefalaiòsastai”):
un cristiano guarito sarebbe un evento da Mondovisione a reti unificate.

mercoledì 8 ottobre 2014

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.