UNA SOLA ORAZIONE (III). LA RAGIONE DOPO IL “PADRE NOSTRO”

Dopo (I) e (II) vengo ora all’orazione discorsiva che prediligo, nota come “Padre nostro”, e che raccomando a credenti, miscredenti, diversamente credenti.

Nel suo nocciolo si tratta:

1. di un “nostro”, ossia :

un universo, in cui “Padre” designa non un Papà sia pure eccelso, buono buono buono, imperativo ma a fin di bene, misericordioso al cubo e via con gli attributi, bensì di un principio di possesso legittimo (eredità, non proprietà come furto che dura tutt’oggi):
so di discostarmi dalla père-version lacaniana, come pure dal Padre mal-andato chiamato “primitivo” da Freud;

2. di un “regno” ossia di una società avente una Costituzione, ordine non sistema, in cui tutti e non uno solo provvedono cioè fanno politica.

Sorvolo sulle altre proposizioni salvo una, “sia fatta la tua volontà”:
mi sono già pronunciato a sfavore dell’occultismo millenario di una Volontà-mistero che solo “Lui” conoscerebbe, mentre noi la cercheremmo con la lingua penzoloni come cani fedeli (“fede”?):
piuttosto, l’ho già paragonata alla volontà che domando al Direttore di banca di far essere in lui, quella di disporre un finanziamento a favore della mia iniziativa o impresa:
il contenuto di questa è noto prima a me che a lui.

Detto il contenuto resta la forma, quale?, lo vedremo (procedura).

Tutto ciò, e ciò che seguirà, è ragione non fede:
lo imparavo tanti anni fa da Kelsen che scriveva che la proibizione giuridica di uccidere non deriva dal Decalogo:
ne ho scritto a proposito di una proibizione minore, quella di attraversare col semaforo rosso.

mercoledì 2 luglio 2014

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.