L’ATTO, LA MAFIA

I due argomenti lasciati in sospeso nell’articolo precedente:

1° i “conviventi” (dirò poi perché le virgolette) possono compiere (per lo più non lo fanno) l’atto che li legittima come tali, che è un atto dichiarativo:
questo è solitamente mistificato nella frase “Io ti amo”, perché significa innamoramento che con l’amore non ha nulla a che vedere:
l’atto dichiarativo dichiara (al partner o co-ministro) che il proprio pensiero opera a favore del pensiero dell’altro (il pensiero è sempre pratico), e lo fa privilegiatamente:
ciò facendo si sottopone, in quanto atto, alla sua imputabilità, da parte del partner così come dell’universo, perché l’atto è sempre pubblico:
è interessante osservare che allora si sottopone alla verità, se come dico non c’è verità che di una imputazione.

Quanto a “conviventi” c’è uno storico equivoco, quello dell’unicità di tetto, materialmente giustificata solo dal censo (non sono i soli proletari a pensarlo):
ma la mia amica o compagna non necessariamente abita sotto il mio stesso tetto, ed è mia compagna legittima prima di Stato e Chiesa (il prete degli articoli precedenti non è contrario bensì non può neppure pensarlo).

Così dicendo – dicendo primariamente che l’individuo umano è la san(t)a sede del primo Diritto o Ordinamento giuridico -, so che porto secondariamente acqua al mulino di Stato, Chiesa, forse perfino della Massoneria, ma non della Mafia.

2°  Un celebre giurista italiano, Santi Romano autore di L’Ordinamento giuridico 1918, siciliano verace, scriveva di conoscere quattro Ordinamenti giuridici, Stato Chiesa Massoneria e Mafia.

Ebbene, Papa Francesco ha appena scomunicato (atto formale) i mafiosi in quanto mafiosi:
così facendo ha dato torto alla classificazione di Santi Romano della Mafia come Ordinamento giuridico:
se Santi Romano avesse ragione, il patto Stato-Mafia sarebbe legittimo.

Dulcis in fundo:
la prima rimozione è del fatto che il primo Concordato è quello tra individuo umano e Stato.

venerdì 11 luglio 2014

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.