IL DESIDERIO DI AVERE UN BAMBINO: UN ESTRANEO TRA ESTRANEI

Desiderio di avere un bambino significa mettergli in testa un’Idea prima ancora che nasca:
Lacan ha chiamato questa Idea “oggetto a”, causa (ahimè, ahilui, ahinoi) del desiderio del genitore:
è il Gregor Samsa di Kafka, lo “scarrafòne” che per mamma sua è sempre “bello” (la Teoria estetica non se n’è accorta).

Quando prevale il desiderio materno, a questo Freud ha già dato nome e non insisto, vedetelo:
dico soltanto che, rigorosamente, la nobilissima lingua volgare italiana è freudiana quando dice che il figlio del desiderio di avere un bambino è una “testa di c…”:
magnifico!

Dedicherò presto un articolo al genio della lingua italiana in quanto, unica al mondo, ha saputo introdurre la parola c… in tutte le sue innumerevoli versatili applicazioni.

Ma ricominciamo da capo, invertiamo questo rio destino osservando che il bambino è un perfetto estraneo che incontra dei perfetti estranei:
ma solo il bambino sa elaborare l’estraneità, mentre i genitori sono perfino ostili a osservare che il “loro” bambino è un estraneo:
e per esempio si credono spiritosi e teneri nel descrivere il bambino iniziale come un “tubo digerente”:
nulla di più errato e di meno spiritoso, infatti nessuno osserva che fin dalla prima precocità il bambino elabora fisici suoni fonetici per arrivare, da lì a poco, a costruire la lingua senza insegnamento (e a un tempo a costruire l’apparato fonetico, inizialmente morcelé).

L’elaborazione non ostile dell’estraneità, ecco la virtù del bambino:
un’elaborazione in cui, quando va bene, la Civiltà pigola appena.

Il bambino è il cliente di un mercato inizialmente gratuito, e non perché gli adulti siano buoni.

Non ha esigenze bensì – molto meglio, è proprio ciò che lo fa umano – ha la facoltà di elaborare l’offerta prima di avere domanda:
è un mercante nato (che sia ebreo?)

mercoledì 23 luglio 2014

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.