CONCORDATO: NE’ ARMONIA NE’ CONTRATTO NE’ CONSENSO

Non è iperbolico né folle ciò che ripeto, ossia che l’individuo umano è sede di un Ordinamento, che ha con l’Ordinamento dello Stato una relazione concordataria (dunque prima del Concordato Stato-Chiesa, che ignora il Concordato anzidetto).

E’ ciò che lo rende libero, non servo né anarchico, e anche amico di quello Stato che ha pochi santi cui votarsi, e sempre alle soglie dell’illegalità o del default.

Lo Stato deriva la propria giuridicità dall’individuo preso nella sua iniziativa, ossia nell’Ordine dell’appuntamento che promuove per il solo fatto di muoversi:
lo sa il catatonico, che ha deliberato di non muoversi più (come Kierkegaard diversamente da Kierkegaard).

Ho ricavato ciò che dico da Freud mettendolo a frutto:
l’unico pensatore nei millenni che abbia portato alla soglia di questa verità.

Concordato non è armonia, non è contratto (con sacrificio di parte della libertà), non è consenso, ma è il potere di farlo:
come distinguo da sempre, questo potere ha la p minuscola, non è Il Potere, in tedesco è kőnnen non Macht.

Cambia il modo in cui si ascolta il Telegiornale, e dopo si dormirà meglio perché il sonno è kőnnen non Macht.

PS

Ma certo, siamo in anni in cui lo Stato non paga più l’Impresa (che è un caso di iniziativa-appuntamento), è ciò mette in fragilità tutto.

lunedì 14 luglio 2014

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.