UNA MEDIAZIONE CRIMINOSA AL CONIUGIO

Ne ho già parlato, Diabolik  e Eva Kant costituiscono un coniugio perfetto nel perfetto coniugio di affari e amore, in cui i sessi trovano posto senza problema (quando sono problema già non c’è via d’uscita):
qui il crimine serve da mediazione letteraria per una buona idea.

Diabolik e Eva Kant sono la fiction alternativa al proletariato (che il Comunismo ha conservato).

Preferisco la parola “coniugio” alla parola “matrimonio” (e il patrimonio?):
è meglio “coniugio” perché più prossimo a ciò che designa, cioè una società.

Si può iscriverlo in Comune come in Chiesa, nulla da ridire:
ma non si è mai pensato di iscriverlo a una qualche Camera di commercio:
valgono poco le leggi senza copertura economica, e l’Idea “amore” non l’ha.

Sarebbe meglio riconoscere che il matrimonio non è mai stato ben pensato.

Noto che i figli non lo definiscono, pur rientrando nei suoi effetti  giuridici

In amore vale il detto:
“A chi ha sarà dato, a chi non ha sarà tolto anche quello che ha”,
e tutti hanno almeno bocca e pensiero.

giovedì 12 giugno 2014

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie