“NON TEMETE”

Abbiamo tutti sentito gli ultimi Papi rammentare lo slogan celebre “Non temete!”, o “Non abbiate paura!”

Ma poiché io sono un coniglio che teme anche la sua ombra, questo fatto mi ha reso desto a chiedermi se lo slogan sia un appello all’eroismo, petto nudo contro le baionette del nemico.

Non lo è, e non avrebbe senso.

La paura di cui parla è l’angoscia, una paura in cui tutti sono conigli al cubo:
non è paura di una minaccia reale, è paura di una minaccia ideale, quella di perdere un amore che non esiste, Ideale, che non può essere perduto (“Lassù qualcuno mi ama”):
ciò che mi perde è proprio il verbo “perdere”, un’Idea che si è fissata in me senza che ci sia alcunché da perdere.

“Non temete!” significa allora lasciar cadere il presupposto che lassù, ma anche quaggiù, qualcuno mi ama
l’amore non è un predicato, né del solito “Dio” né della solita “Madre” -,
il che mi lascia libero di osservare che qualcosa detto “amore” può accadere.

Io non sono a-teo (non conoscendo il concetto della parola), sono a-matride:
tutti lo dovrebbero essere, le madri per prime perché sono le prime a perderci:
“matride” significa vendetta.

venerdì 27 giugno 2014

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.