LA RIDENTE CAMPAGNA

La campagna non ride (come la iena), e in generale la natura, che è non matrigna bensì frigida:
così come non ci sono i lendemains qui chantent [1] (e perché canterebbero?) promessi dal comunismo.

Il riso o sorriso è uno dei mezzi con cui si ingiuria con aria di benevolenza un bambino che ha appena fatto un’osservazione pertinente e talora brillante:
è mezzo della rimozione (di ciò che ha detto e del suo stesso dire), e anche della sistemazione del rimosso (nello scomparto “infantile” dell’intelligenza del bambino).

Quante volte ho dovuto dire al mio uditorio “Non ridete!”, mentre dicevo qualcosa privo di comicità:
per esempio allorché segnalavo che siamo tutti passati non indenni per l’amore dell’amo, che siamo stati am-ati come i pesci:
solitamente non basta una vita per guarire dal trauma.

La pubblicità si avvale regolarmente del riso o sorriso dell’idiota idiotizzante:
ricordo la francese “vache qui rit”:
è degno di nota che questo sorriso è proposto dall’idiota come segno di intelligenza e di intesa.

Partecipa della frivolezza maniacale descritta dagli psichiatri.

Vi sono persone che ridono qualsiasi cosa dicano, a volte con l’aggiunta “Che ridere!”

Il sadico ride all’osservare i suoi atti sadici e gli effetti sul torturato.

_______________

[1] Les lendemains qui chantent è l’autobiografia, pubblicata postuma, del comunista francese Gabriel Péri fucilato dai nazisti nel 1941.

lunedì 23 giugno 2014

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.