A CHE PUNTO SIAMO (IV)

La debolucciaggine congenita

 

Rinforzo il concetto di “punto”:
essere a un punto significa patologia, impuntamento del pensiero che può benissimo (cioè malissimo) avere assunto forme culturali cioè comunemente ammesse quando non promosse, ossia prive di diagnosi(-critica):
senza forme culturali nessuna patologia resisterebbe lespace dun matin.

Tra i punti della serie non seria (vedi mercoledì 11 giugno) c’è quella che chiamo la meiopragia degli psicoanalisti (questa parola significa la condizione di un organo la cui attività funzionale è al di sotto di quella normale):
quando avevo trent’anni ho inventato la sindrome comica detta “debolucciaggine congenita”, meiopragia della mente in cui oggi siamo collettivamente avanzatissimi.

Infatti gli psicoanalisti hanno variamente mollato un po’ su tutto, intendo sui fondamentali freudiani:
sulla rimozione e su quei suoi “progressi” che sono rinnegamento (perversione) e rigetto (psicosi), sulla nosografia freudiana a un tempo descrittiva e causale (causalità psichica non naturale), sulla pulsione come legge non naturale di moto del corpo, sulla metapsicologia cioè la non naturalità delle leggi umane, sull’inconscio come pensiero e non come trippe dello spirito, sull’esame del sogno come esempio nitido di razionalità;
sul laico come novità introdotta da Freud nel debole pensiero moderno della laicità;
per finire senza completezza, alludo senza nominarlo a uno psicoanalista italiano che recentemente ha parlato di “animale umano”, mentre l’insieme del pensiero freudiano ha sbaragliato senza versamento di sangue una simile idea come una delle più stolide della storia del pensiero.

Non mi darei la pena di scrivere un libro di trecento pagine per sviluppare questa breve nota sul punto-impuntamento:
la lunga lista della serie non seria mi rende tollerante, perché nessuno dei suoi punti mi rende polemico, io mi occupo solo di cambiare discorso:
questa espressione designa anche la tecnica psicoanalitica (non omissione e non sistematizzazione).

venerdì 13 giugno 2014

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.