SEMPER REFORMANDA? LASCIARE CADERE

Reformanda che cosa?, la Chiesa, la Società, lo stato di salute.

Faccio precedere ancora questo articolo alle conclusioni intorno a “La formazione dello psicoanalista”.

L’espressione “ecclesia semper reformanda” risale alla Riforma protestante, e a me non è mai piaciuta per il sospetto, divenuto poi certezza, che la riforma conserva il prima nel dopo, peggiorato perché censurato (ri-formato) in un Sistema di grado successivo (come la nevrosi è conservata ma censurata nella perversione):
il Sistema, con censura, sostituisce l’Ordine, senza censura.

É un dato di osservazione il fatto che la psicopatologia si ri-forma in un Sistema successivo grazie a un passaggio culturale giustificante.

La critica della riforma è stata tentata dal Comunismo con la sua opposizione della rivoluzione al riformismo, ma sappiamo che il Comunismo ha fallito in tutto:
dovremmo però afferrare che cosa è un fallimento.

Con la psicoanalisi Freud pone anche tecnicamente il principio di un Ordine che non riforma il precedente Sistema, che a sua volta riformava il Sistema precedente, ma lo lascia semplicemente cadere:
per una volta vale un paragone biologico, quello con il funicolo ombelicale che cade da solo perché con il parto è subentrato un ordine biologico nuovo, non dobbiamo agire sul funicolo.

Si comprende meglio perché Freud dicesse che la psicoanalisi non tratta direttamente il sintomo e in generale la psicopatologia, e scoraggia il paziente dall’insistere sulla sua patologia (è la regola psicoanalitica).

PS

A proposito di riforma che ri-forma ciò che vuole riformare, ne adduco l’esempio universalmente noto a proposito del Concilio Ecumenico Vaticano II:
prima i preti indossavano la talare (quell’abito nero fino ai piedi), poi gli è stato imposto il clergyman, cioè il clericalismo del prete è stato rinforzato nella condensazione.
Quella buffa talare sarebbe caduta da sola, invece le hanno sostituito quel sarcastico metallico clergyman, distintivo militante-militare.

mercoledì 14 maggio 2014

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.