NON VOGLIO CHE MI SI AMI …, E LA “PAOLINA” DI CANOVA

La frase completa è:
“Non voglio che mi si ami, voglio che mi si tratti bene (J. Lacan [1] ).

Nel buon trattamento includo il caso che al risveglio mi si porti il caffè con una sigaretta:
celestiale!, quando a portarmelo non è il maggiordomo.

Ma la forma generale dell’amore, se è e quando è, è l’amicizia del pensiero, perché il pensiero fa il corpo cioè la legge di moto del corpo.

Quando questa legge è diventata patologica, l’amicizia si declina anzi coniuga come quella sua applicazione che è detta “psicoanalisi”, che è appunto trattamento:
non ho detto altro nei sei articoli che ho appena dedicato alla “Formazione dello psicoanalista”.

Non mi illudo che tutti gli psicoanalisti possano permettersi investimenti esorbitanti, ma auguro a tutti loro di almeno vagheggiare che il loro divano sia una “Paolina” di Canova:
anzi, uno psicoanalista è definito dalla “Paolina”:
rammento che Paolina, e il più celebre fratello, non erano degli aristocratici.

Tuttavia J. Lacan ha anche adottato l’amore platonico cioè “la teoria di una mancanza che si deve ritrovare a tutti i livelli”, ossia di amore (eros) figlio della miseria (penìa) e dell’accattone (pòros):
ma il trattare bene non risponde a una mancanza con relativa domanda, così come l’offerta non risponde a una domanda ma la genera.

Il contrasto tra le due frasi simultanee segnala anche l’inadempienza del cristianesimo e di ogni discorso amoroso:
infatti il discorso di Gesù è un discorso amoroso in ogni sua parte in quanto discorso intellettuale, parla dell’amore come forma pratica dell’intelletto offerente non sofferente:
la sua proposizione maggiore “l’albero si giudica dai frutti”
– una metafisica per cui l’ente (l’albero) vale non per la sua essenza bensì per il suo prodotto -,
è una proposizione amorosa in virtù dell’offerta.

Niente di meno greco e di più moderno.

_________________

[1]Je ne veux pas quon maime, je veux quon me traite bien”.

giovedì 22 maggio 2014

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.