LA FORMAZIONE DELLO PSICOANALISTA (VI)

Società nell’amicizia del pensiero

 

L’umanità soffre per l’inimicizia al pensiero:
individuale perché non ce n’è alcun altro, quello da cui procede ogni moto, anche quello del servo, che non è mai tanto servo da essere solo servo:

Freud ha individuato l’iniquità di questa sofferenza nella sistematizzazione di un’omissione coatta, come fatto di cultura così come di psicopatologia (nevrosi, psicosi, perversione).

La terapia di questa (“psicoanalisi”) è un’applicazione di un Ordine nuovo rispetto al vecchio del Sistema.

Ho già distinto tra pensiero comune, amico, Ordine, e pensiero unico, imposizione sistematica e patogena.

Il minimo che ci si possa attendere da uno che si è formato da psicoanalista come caso particolare, è che aspiri a fare Società con altri come lui:
non una Società psicoanalitica cioè del caso particolare.

L’ho chiamata “Società Amici del Pensiero”.

mercoledì 21 maggio 2014

THINK!
Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.