VITA DA CUOCO

Intendo la mia, infatti preparo quasi quotidianamente dei piatti intellettualmente commestibili, e infatti almeno qualcuno li mangia, me compreso che mangio di tutto, da ogni cucina che alimenti.

La più comune obiezione umana è all’intelletto come organo di alimentazione e digestione, cioè è anoressica:
l’anoressia comunemente intesa ne dipende.

La mia cucina ha come ingredienti dei fondamentali, i materiali variano come le materie scolastiche o giornalistiche.

L’udito, come l’occhio leggente, recepisce non diversamente dalla bocca, c’è precocemente “pulsione” uditiva insieme a quella orale:
l’uomo nasce intellettuale.

La storia del pensiero, storia di intellettuali, andrebbe riscritta avendo come riferimento la commestibilità:
vi sono cucine che distruggono l’organo, si chiamano anche veleni.

PS

Come cuoco mi capita di fare lo chef, ma questa è l’unica accezione potabile di “capo”:
di solito il capo comanda, e il comando ha le gambe corte, l’Ordine non è imperativo.

mercoledì 30 aprile 2014

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.