L’ALBERO DELLA PERVERSIONE

É quello dell’Eden, dell’albero della conoscenza del bene e del male:
ma attenzione!, in quanto quello dal quale guardarsi dal derivare i propri atti (mangiare è un atto, l’accento non è sull’oggetto-mela).

Per molti anni questo mito biblico dell’albero mi è apparso privo di senso logico e grammaticale:
ce n’è voluta prima di cogliere che l’Autore “ispirato” del Genesi (VI-V secolo a. C.) ha anticipato Aristotele (IV secolo) perfino superandolo.

In “bene e male” la particella “e” è una congiunzione, e questo va bene finché si tratta di un’elencazione, ma ciò non significa indifferenza, equivalenza o sostituibilità, cioè siamo nel principio di non contraddizione in cui A (bene) non è non-A (male), che proibisce di congiungere A (bene) e non-A (male).

Secondo l’Autore “ispirato”, “Dio” obbedisce al principio di non contraddizione e invita i suoi generati a fare come lui (“a immagine e somiglianza”).

Il suddetto Autore ha superato Aristotele perché per questi, come per tutto il pensiero greco, la perversione è rimasta impensabile.

La perversione rinnega (Freud: Verleugnung) il principio di non contraddizione, e lo fa non con l’argomentazione ma con la banalizzazione:
questa è un’occasione per tornare sulla Banalità del male di Hannah Arendt, dalla quale non siamo usciti.

giovedì 10 aprile 2014

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.