LA PERVERSIONE È TEORICA

Sabato domenica 29-30 marzo 2014
in anno 157 post Freud amicum natum

Negli anni ’80 Jules Feiffer, fumettista di rango, Premio Pulitzer nel 1986, ha disegnato una eccellente e corretta satira del pedofilo esibizionista.

Ai giardini pubblici il bravuomo va incontro a una bambina e subitaneamente spalanca il trench esibendole la sua “cosa”:
per tutta risposta la bambina spalanca la gonna esibendogli la “cosa” sua:
il bravuomo fugge terrorizzato.

Bravo Feiffer che ha saputo rappresentare il bambino come merita, ossia capace di giudizio e non “poverino”:
in altri termini il sesso non è traumatico neppure se pedofilo:
è nel pedofilo che il sesso è diventato un problema, poverino!, lo dice anche Freud (“povero diavolo, armer Teufel”).

Il trauma non è nella percezione visiva né tattile, ma nella percezione uditiva, è teorico, intellettuale, il solo cui il bambino non può opporre obiezione.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.