LA MAPPA DELLE MAPPE. Ordine, non Sistema-Totalità

É il disegno qui riportato, dal Corso (oggi Simposio) 2009-10 intitolato L’albero e i frutti:

foto-formula-ultima-pdn-rid
image-5243

Scrivevo vent’anni fa che si trattava di riscrivere tutte le mappe.

E’ la mia prima carta d’identità o rappresentanza, compagna pacifica della seconda rilasciata dal Comune e associata alla Costituzione del paese:
diversamente da questa non necessita della foto, anche se non la respinge.

Mi identifica in comune e Comune con altri, distinguendosi per normalità e sovranità dall’identificazione patologica di massa:
la sovranità deriva dal fatto che la sua Costituzione universale può avere sede solo individuale.

Chi ne ha seguito la costruzione sa che essa:

1. deriva dall’elaborazione dei termini della “pulsione” o legge di moto freudiana, che è il pensiero stesso,

2. che in essa è scritta la rivoluzione consistente nella sostituzione della materia a quell’oggetto che è sempre stato la confusione degli uomini e in particolare degli psicoanalisti.

Le forme della psicopatologia, sempre descritte induttivamente da più di un secolo, sono ora ricavabili deduttivamente come de-viazione da questa rappresentanza dell’individuo.

In essa lo status del pensiero (“inconscio” è solo un nome del pensiero nella contraddizione, o sotto le bombe dell’angoscia) è giuridico-attivo e non ontico-predicativo.

Questo pensiero è Ordine(-Ordinamento) a meta, mentre la Psicopatologia è Sistema fallimentare nella meta e disordinato fino al comico associato al tragico, avente come unica meta la sedazione dell’angoscia:
una meta sempre fallita e sempre freneticamente ricercata vita-natural-durante (la “vita eterna” come sempre presentata non promette di meglio, il Purgatorio non purga).

Può esserci meta solo nella prima rappresentanza e Diritto, non nella seconda con il suo Diritto:
solo il Totalitarismo si fa carico della meta, e da ciò è definito:
vive dell’Idea “Totalità”.

(dal Simposio di sabato 1 marzo della Società Amici del Pensiero, con titolo generale La prima rappresentanza. E la psicopatologia).

lunedì 3 marzo 2014

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.