I BIG BANG DEL PENSIERO

Si osservi il plurale “i”, caso per caso e ogni volta da capo.

Siamo dei patiti di origini, ma va già meglio quando si tratta dell’ipotesi originaria einsteiniana detta “Big-bang”, una faccenda di 14 miliardi di anni fa, di cui i giornali stanno parlando dopo una sua recente verifica scientifica ancorché indiretta:
non mi risulta che qualche alcolizzato si stia ancora domandando che cosa c’era “prima” del Big-bang.

Ma io non perdo né millenni né anni per parlare rigorosamente di Big-bang a ogni nascita di bambino, quello il cui pensiero (bisogna pure dargli un nome) a due anni ha battuto Mozart due volte, il che significa che ha cominciato subito con una velocità che non mi perdo a quantificare.

“Subito” quando?, rispondo:
appena nato, fuori dalla “mamma”, perché?:
perché è una faccenda di udito, e di suoni articolati e sensati provenienti dall’esterno, le frasi sonore di altri:
il bambino le elabora da subito, anche sintatticamente, prima di ogni educazione.

La Psicologia detta “Gestalt” (forma) non ha mancato di risultati, ma è partita col piede sbagliato, quello della percezione sensoriale visiva anziché quello della percezione sensoriale uditiva (come invece ha fatto Freud):
quando si parta dalla percezione uditiva si osserva subito che essa è  duplice, sensoriale e economica (vedi Lerba prendo di lunedì 17), insomma il Big-bang del pensiero è economico (ancora Freud).

Cosa c’era prima?, “Dio”?, miliardi di neuroni?, vedete voi:
in ogni caso si è trattato di Big-bang non evolutivo del pensiero:
che si è subito imbattuto nel suo Erode, donde “Poverino!” (vedi martedì 18):
quel bravo Erode dantan non era carino dato che li sgozzava fisicamente, ma almeno non li sgozzava intellettualmente.

giovedì 20 marzo 2014

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.