INNAMORAMENTO-MISTICA

Vedi il Canto di ieri.

In esso non c’è niente e nessuno, pura emozione (conosciuta anche dallo scrivente, dunque non mando all’inferno nessuno):
“non è vero niente”, ingigantito dal Barocco.

Di prossimo al reale c’è solo l’angoscia (“grido”, “impaura”), assunta come l’unica base per concepire la “pace” (che tutti i mistici dichiarano essere il fine della mistica):
lavoro da anni per costruire una base reale per il pensiero della pace (e dell’amore).

Quel Canto canta l’innamoramento come negazione dell’amore, come quel perdere la testa o de-menza o psicosi che Freud ha chiamato “narcisismo”.

Quando assume rilievo per la Civiltà
– e l’ha assunta, con un’estensione tutta da esplorare anche a fini molto pragmatici –
si chiama “mistica”.

La melodia parlata di Mozart figurerebbe benissimo a Sanremo [1], che come mistica commerciale dell’amore è un  caso di Civiltà.

________________

[1] Conosco una brava cantante di Sanremo, cui è stato rimproverato di non cantare canzoni d’amore: i love you.

lunedì 10 febbraio 2014

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.