IL PRIMO LACANIANO

Sabato domenica 1-2 febbraio 2014
in anno 157 post Freud amicum natum

 

Io freudiano posso dirmi il primo lacaniano:
infatti altro non ho fatto che raccogliere la quaestio lacaniana valida per tutti, l’unica in tutta la sua opera, utrum-an:
se esista o no un discorso che non sia finzione (“un discours qui ne serait pas du semblant).

Già il Barocco – che ho riassunto nella formula “non è vero niente” – era la medesima questione disconosciuta (“la vita è sogno”, non quello di Freud)

Ma molto prima del Barocco c’è stato il docetismo, che preliminarmente all’essere eresia su Gesù era eresia sull’uomo (l’uomo è solo una finzione):
Michel Foucault l’ha ripresa negando l’uomo.

Riportata su Gesù essa si formula:
se Gesù non è un uomo (soddisfacibile in motricità-sensibilità-pensiero) non è vero niente.

Freud è stato l’iniziatore di un discorso che non sia finzione:
lo è stato anche alleandosi la psicopatologia (oggi negata dalla Psichiatria-Psicologia, piagnucolamento statistico a parte).

Lacan non è venuto a capo della sua questione, ma non è poi così importante.

Vent’anni fa ho firmato un contratto con l’Editore Cortina per un libro su Lacan (doveva essere intitolato La doppiezza di Lacan), ma non ho saputo concluderlo:
però poi, come dico, l’ho finito.

Si trattava di compiere il passo decisivo dell’imputabilità dell’atto o del discorso, ossia il passaggio all’ordine giuridico del linguaggio, morale non etico:
il passo è dunque pratico e logico, non ontologico né mistico.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.