GOVERNO E SANREMO: IL CONSERVATORISMO

Da dove trae la conservazione (dello status quo) la sua forza che sembra onnipotente nel suo renderci impotenti?:
il Governo vi si scontra con durezza tragicomica, data la sensatezza ovvia e trasversale di certe riforme economiche (fisco, finanza, burocrazia …).

Da molti anni penso a una sua fonte che stavo per chiamare soggiacente ma che invece è sovrastante, celestiale, quello che chiamo il cielo infernale delle Teorie (“Simbolico”):
ed eccoci a Sanremo.

Provate a immaginare un Governo che provi a riformare la Cultura cominciando dal distogliere Sanremo dall’essere la Cantica infernale dell’innamoramento come la morta gora del pensiero (“perdere la testa”):
alle elezioni perderebbe contro tutti, non solo i “poteri forti” culturali ma anche il popolo “sovrano” che nell’innamoramento ha perso da sempre la sovranità.

Si comprende perché Freud ha detto che anche psicoanalizzare, come governare, è impossibile:
allora io psicoanalista sono un illuso?, e un illuso molteplice dato che la Teoria infernale dell’innamoramento come amore non è l’unica nel sovrastare il conservatorismo generale?:
e proprio, come io sostengo, nel suo presiedere a livello di massa al conservatorismo economico e politico.

Freud suggeriva che proprio qui ha fallito il Comunismo (diceva che ha avuto la “fretta americana”):
ma quale comunista ha osato pensarlo? (gli altri nemmeno):
sull’amore l’era staliniana è  stata patetica.

venerdì 28 febbraio 2014

THINK!
Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.