LA ROBETTA PUBBLICA

Convengo con coloro che, un po’ fideisticamente, trovano l’Italia un paese interessante malgrado tutto, e non solo per il patrimonio storico-artistico.

Bisognerebbe però riconoscere – domando un miracolo? – che i nostri Governi e Partiti da molti anni sono e fanno robetta, che trattano la res publica come cosetta o robetta pubblica.

Si dice ancora “Il Palazzo”, magari!, non è Palazzo ma cortile, aia, basse-cour:
mi ricorda tanti psicoanalisti che pensano “pulsione” e “inconscio” come cortile dello spirito, e i lapsus e i sintomi come i peti delle sue viscere.

La politica, come la psicoanalisi e il pensiero, non vive in sé ma fuori di sé, in una piazza senza confini neppure nazionali (il Fascismo è stato nazionalista e ha ispirato il nazionalismo nazista, e Hitler aveva ragione a dire che Mussolini gli era stato maestro):
è agorafilica.

mercoledì 15 gennaio 2014

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.