FEDELTÀ CONIUGALE

Prendo spunto da una seduta, prima di tornare su potere e mistica (vedi lunedì 27 e mercoledì 29 gennaio).

Premetto che il coniugio non inizia con il matrimonio, questo può seguire secondo le migliori tradizioni civili e religiose:
e non mi si dica che sto parlando del fidanzamento (caste animucce!), salvo che la parola “fidanza” sia ben pensata:
parlo di un’alleanza, e non solo dell’alliance francese.

La notizia che il matrimonio è statisticamente in caduta verticale non mi disturba, a fronte della pessima prova di sé che storicamente questo Istituto ha dato (“Je taime moi non plus” prefà la storia del matrimonio), agli effetti dei coniugi e poi, solo poi, dei figli.

Il single o eremita che dico io da anni potrebbe realizzare il coniugio-alleanza restando single (ma non provo più a ripetere):
anzi è l’unico che potrebbe realizzarlo, facendola finita con la distinzione tra vocazioni “religiose”.

La fedeltà coniugale è tutta nella testimonianza che il partner dà del suo partner presso terzi (“terzi” è l’universo caso per caso):
per lo più queste testimonianze sono tradimenti (osservare per credere).

Il re e la regina non possono tradirsi finché sostengono il regno, e dunque l’un l’altra:
ed è noto dalla storia che non lesinavano in amanti, a parte il pietoso caso di Artù e Ginevra al quale non credevo neppure quando facevo il chierichetto.

Sociologicamente parlando conosciamo quasi solo infedeltà, con quella sessuale all’ultimo posto.

giovedì 30 gennaio 2014

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.