DEUTERONOMIO 32, 20

Mi piace questo Deuteronomio 32, 20:

“Nasconderò loro il mio volto
per vedere che cosa gli accadrà”
(o: “come andrà a finire” in quanto a End, Ziel, meta),

cioè per vedere che cosa sapranno farsi del fatto che hanno la mia stessa Costituzione (“a immagine e somiglianza”), e non per vedere malignamente (indifferenza o ostilità) che andranno in malora.

Ma anche nel caso della malora, si tratterebbe pur sempre di un andar male di risulta, relativizzato a questa stessa Costituzione, che risulterà così confermata, diciamo come beneficio secondario.

Trovo interessante un “Dio” inutile, che non fa beneficenza, non oblativo o misericordioso, e che, se esistesse, sarebbe per avere vita propria cioè per avere cura del proprio principio di piacere:
data l’universalità di questo, mostrarcelo sarebbe l’unico modo per eventualmente soccorrerci in caso di nostra debilità mentale allo stesso livello.

lunedì 20 gennaio 2014

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.