BUONPOPULISMO

pellizza1

Ho appena scritto che detesto Il Quarto Stato di Pellizza (1868-1907), il “buon popolo”:
il “populismo” del tradizionale gargarismo politico è solo buon-populismo, di destra e sinistra, di centro e religioni, perché è l’idea di popolo buono:
il popolo non è buono.

Il popolo è immondizia, diceva bene il fratacchione Alberto Sordi nel film di Luigi Magni, Nellanno del Signore (1969), con gli indimenticabili Nino Manfredi, Claudia Cardinale, Ugo Tognazzi et Al., e naturalmente l’Alberto (“Popolo, sei ’na monnezza!”).

Non è un’ingiuria (mia), l’immondizia è artificio, non esiste in natura, è un’ingiuria della civiltà da cui il “popolo” è nato arte-fatto e non si è mai sollevato.

Il comunitarismo che gli è addossato (come il sacco della “monnezza”) servirà al momento opportuno a giustificare il totalitarismo.

Platone ha populato con un tratto di penna, quello con cui ha scritto e prescritto la divisione – di classe?, sì – tra i pochi che s(t)anno sopra – epi-stéme – e i più che chiacchierano sotto detti “popolo”:
quasi nessuno osserva il clericalismo di questa divisione, e tutti i clericalismi ne sono dipesi (il clero precede i cleri):
la storia umana è tutta in-segnata da questa populazione, e la popolazione, sventurata!, ha educativamente appreso.

Nessuna Costituzione ha mai scritto che la sovranità è individuale, principio del diritto di cui la comunità popolare è il cimitero:
società non è comunità.

venerdì 13 dicembre 2013

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.