IMPENITENTE PRIEBKE

proprio come tutti gli altri, riguardo a un peccato o delitto di cui tutti sono impenitenti:
i Nazisti sono stati decine di migliaia, ma non mi consta un solo nazista pentito.

Molti di essi erano cristiani, e buoni padri di famiglia non dei mostri.

Allorché Eichmann, Priebke, …, dichiaravano di avere “semplicemente” obbedito, pieni di iniziativa com’erano, non parlavano di comandi direttamente ricevuti da comandanti superiori, e più in generale del concetto di gerarchia sia pure militare.

Deve trattarsi di un nocciolo di pensiero pronto a tutto ma inespugnabile dalla penitenza, benché non per questo inaccessibile al pensiero:
ma la storia del pensiero lo ha reso inaccessibile (non al mio).

Ho già un nome per questa Idra dalle molte teste, ma attendo di sapere se qualcuno c’è arrivato come me.

L’antigiuridicità di principio è parte del nocciolo.

Questo rientra nell’Utopia platonica, benché la maggior parte dei Nazisti fosse filosoficamente ignorante (ma qualcuno ben noto no):
il fondamento della Filosofia non richiede studi filosofici, è indifferente alle sue operazioni in fondo banali (aggettivo reso celebre da Hannah Arendt) anche quando massacranti.

Il pensiero laico postbellico è rimasto impotente di fronte all’Utopia platonica, con il rinforzo ahimè di un santo cristiano (Tommaso Moro).

martedì 15 ottobre 2013

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.