“VINISMI”

Vengo informato da Savino Romani che in un opuscolo – Popsophia, Festival del Contemporaneo, Eroi e antieroi, Pesaro 3-7 luglio 2013 – figura per il tema del giorno (“Vinismi”) la frase:
“Il vino è un risultato del pensiero”.

So bene che è una frase mia, e ciò è accaduto cento altre volte in Convegni e libri:
non ne sono felice né infelice, constato solamente che citarmi non è un vizio molto praticato.

Tutta la settimana scorsa non ho fatto che parlare di questo risultato (dall’ante-fatto all’arte-fatto).

L’acino, oltre la sensazione che di esso ha anche il mio cane (esse est percipi, Berkeley), è a partire dal pensiero che vi è stato investito per un profitto (per esempio il vino):
notabene, per l’essere occorre il profitto (il frutto dell’albero), perché il solo investimento del pensiero potrebbe essere un delirio, che è delirio perché non pensa profitti (idem per l’allucinazione, la visionarietà, l’illusione).

L’essere è economico e giuridico, ma ora non insisto su una rivoluzione che neppure il Comunismo ha saputo sia pure lontanamente pensare(-desiderare), neppure il mio e caro Marx.

martedì 9 luglio 2013

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.