QUANTE ORE FACCIO LO PSICOANALISTA?

Pochissimi capiranno questa domanda nella sua ovvietà.

Ho come piano di vita – qualcuno direbbe programma o linea – quello di coltivarne il campo come esente da omissione e dalla sistematizzazione di questa che è censura:
campi e fossi sono ovunque abitati da nevrosi, perversione, psicosi, che sono forme diverse di indifferenza e ostilità al pensiero, spesso filosoficamente paludate.

L’alternativa è ovunque presente 24 h su 24 (meglio sarebbe dire 48 h):
essa riguarda il mio piacere, mentre omissione e sistematizzazione mi dispiacciono, affaticano, danneggiano.

Trascorro alcune di queste ore accanto a un divano che ospita un corpo parlante (ciò è chiamato “Psicoanalisi”):
quante ore al giorno faccio lo psicoanalista?:

risposta, quella % delle 24, e uguali alle 24, che mi servono per fare soldi, considerato che nel nostro mondo i soldi servono:
in quella % faccio come nelle 24, per le quali non sono pagato.

mercoledì 17 luglio 2013

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.