PSICOLOGIA CRIMINALE ENDEMICA

Mi hanno rimproverato per essermi descritto (mercoledì 10) come già bambino criminale eppure “buon” bambino:
qui è tutta la psicologia, sia corrente che paludata, a mostrare il suo rotolone decerebrato, dato che il bambino non è né buono né felice né s-pensierato, ed era già Freud a osservare che non esiste innocenza infantile.

Ma lo osservava (ed ecco perché Freud mi è piaciuto) per aggiungere che per il bambino “la via dell’innocenza è ancora tutta da percorrere”, ossia ciò che ho appena detto io a proposito del progresso ossia passo in avanti dal simile al prossimo:
e infatti il primo pensiero verso il fratellino neonato è di omicidio, salvo soprassedere (intervallo importante ma non osservato) e ripensarci fino a farsene un compagno, cioè ha cambiato “linea”.

Con altre parole, il pensiero arriva da solo al 5° Comandamento [1] :
ciò è dimostrabile per tutti i Comandamenti.

Il pensiero del bambino non manca dunque del pensiero dell’omicidio, ma sconnesso dal passaggio all’atto:
lo è in forza di un’altra connessione, quella al passaggio dal simile al partner:
l’omicidio è la regressione da questa connessione.

Questa connessione, ancora integra nella nevrosi, è assente nella psicosi e nella perversione.

Nella società questa connessione, anche se non cola il sangue in piena, è rara e labile.

PS

In epoca di Papa Francesco bisognerebbe coltivare questa domanda:
come far passare il povero dal simile al prossimo?:
finché è simile non si può amare il povero.

_____________

[1] Rapidisssima allusione a uno storico dibattito moderno, ben condotto soprattutto da H. Kelsen.

lunedì 15 luglio 2013

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.