ERO UN CRIMINALE

Da bambino, un bravo bambino davvero, ero un criminale:
buttavo sassi dal cavalcavia, ero abile a fabbricare bussolotti di carta con punta metallica che sparavo nei finestrini del tram, incendiavo cantieri (una volta sono intervenuti i pompieri):
dico criminale, non selvaggio (non esistono selvaggi).

Nulla a che vedere con la criminale-stupida ideologia psicologica dell’aggressività.

I miei coetanei erano esenti dalla mia criminalità, salvo due casi in uno dei quali mio padre ricevette la visita dei carabinieri.

Poi è accaduto qualcosa:
non sono diventato ancor più bravo bambino, della serie “certe cose non si fanno”:
bensì ho iniziato a entrare nell’ordine (giuridico) del passaggio dal simile, potenzialmente esposto ai miei sassi, al prossimo-compagno-partner:
per Caino, Abele era solo un simile, non un partner o prossimo (campi separati).

La guerra è affollata di simili senza prossimo, e così la massa-gruppo).

Il celebre “esse est percipi” di Berkeley, cioè l’essere del simile, è aperto all’omicidio (altrui e proprio).

La psicoanalisi produce prossimo.

L’amore non è amare il prossimo, bensì produrlo come prossimo prossima compresa:
ai giorni nostri è cosa rara.

mercoledì 10 luglio 2013

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.