FATTI: ARTEFATTI O MISFATTI

La mia cara Angelina Jolie prima e dopo la cura (vedi ieri), è un artefatto (poco angelico ma molto joli), proprio come me, e perfino come l’acino d’uva che, lo ripeto, prima della sua scoperta cioè del pensiero della sua commestibilità e vinificabilità, esisteva solo  come antefatto indifferente (detto “natura”).

L’amore tra me e Angelina J. è una relazione tra artefatti.

Nella realtà umana, acini compresi, i fatti sono tutti artefatti, anzi è proprio questo che significa “realtà”, che dunque è d’emblée meta-fisica, non natura (ecco Freud, “metapsicologia”, “pulsione”):
è nell’artefatto che c’è senso (meta) e interesse, non nella natura.

Per millenni “natura” ha dato copertura a una Teoria mistificatoria.

É a questo punto che assume senso e interesse la (psico)patologia, come misfatto fatto sull’artefatto (dunque anch’esso artefatto):
e la guarigione stessa non è né ritorno all’antefatto indifferente, né semplice restituzione dell’artefatto antecedente, bensì artefatto del misfatto riconosciuto (ossia c’è novità con verità).

É qui che assume senso (privo di interesse) la perversione, come riedizione del misfatto nella casa editrice del suo rinnegamento.

Non c’è amore tra misfatti.

Dell’antefatto indifferente, natura, c’è scienza (fisica, chimica, biologica):
anche questa è un artefatto, un sapere diverso dal sapere sull’artefatto umano come sapere sul lavoro.

Artefare è lavoro, con frutti:
la perversione non lavora:
la nevrosi è stakanovismo o iperlavoro con poco frutto:
la perversione la vince sulla nevrosi (questa è un’ovvia verità politica).

venerdì 17 maggio 2013

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.