DUPLICE IUS SOLI

Dobbiamo a Cécile Kyenge la notorietà dello ius soli per la cittadinanza, già largamente praticato da nord a sud nelle Americhe, non altrove se non timidamente:
là dove c’è, la cittadinanza non deve venire domandata né conferita (non è permesso di soggiorno), il suolo della nascita basta, nascita e diritto coincidono già nel bambino (senza passare per la tappa dei diritti umani).

Da non so più quanti anni non faccio che parlare dell’altro ius soli:
quello in cui, sullo stesso suolo, pensiero e diritto coincidono così che, senza permesso perché già incluso, intraprenderò legittimamente ogni appuntamento (amoroso, imprenditoriale, politico, intellettuale …, stabile o effimero), salvo adempimenti subentranti e non presupposti esigiti dal suolo stesso.

Semplicemente (ma questa semplicità richiede anni quando va bene), della medesima serie fa parte l’appuntamento psicoanalitico:
questo che è meno di un moscerino nel volume di affari sociali ed economici del regime giuridico dell’appuntamento, è il più flagrante segno di contraddizione del pensiero umano mondiale, e più di novant’anni dalla Questione laica di Freud non sono serviti a nulla.

Neppure agli psicoanalisti, che per bocca loro si sono definiti degli “extraterritoriali” o “extracomunitari”, e lo pensano davvero!

La cittadinanza è conferita dal pensiero, anche su suolo ostile, e senza bisogno di passare per il martirio:
è in virtù del pensiero che, prima di riforme politiche, non c’è extracomunitario:
una volta si diceva “buon selvaggio”, e del resto dobbiamo a Freud l’osservazione che non esistono selvaggi bensì nevrotici cioè rampolli della Cultura.

Ho già detto che l’amore è conferire cittadinanza al pensiero esiliato (non extracomunitario) dell’altro:
è ciò che accade in un’analisi.

mercoledì 8 maggio 2013

 

close

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.