THATCHER-BATTUTE

Una prima battuta della Lady:
“Non esiste una cosa che si chiami società:
esistono singoli uomini e singole donne, ed esistono famiglie”.

Commento:
1° “Esistono famiglie” è una frase ambigua che è la Lady stessa a disambiguare in un’altra battuta:
“A casa è dove si va quando non si ha niente di meglio da fare”, donde il mio elogio del single o eremita riveduto e corretto:
lo pensavo già da bambino, quando venivo chiamato “il pensionante”.

2° La prima parte della frase è  puro liberalismo senza libertà, ma ha il merito di chiarire che il liberalismo non è negazione dello stato bensì della società:
questa esiste solo grazie a singoli individui che la fondano nella relazione di uno con tutti gli altri, cioè nella illimitatezza potenziale del pensiero del rapporto:
in cui nessuno è escluso dal poter diventare partner, ecco la società, società e non gruppo o massa come nel fascismo-nazismo.

É questo pensiero a fare del singolo la san(t)a sede della Costituzione a partire da una Prima Costituzione (alla quale ho dedicato numerosi video YouTube):
il Diritto corrente è posto inapparentemente in essere da un Primo Diritto:
ripropongo il mio esempio del semaforo rosso (leggi), che esisterà anche in un eventuale Regno dei “cieli”:
è perfino sciocca l’idea millenaria e millenaristica di un tale Regno come esente da Costituzione e Diritto, e fatto coeso da una melassa divina, massa mistica e non società.

La mia Costituzione non soffre dunque del liberalismo forzoso della Lady:
“liberalismo forzoso” è l’ossimoro che definisce il liberalismo.

Questo articolo potrebbe essere un mio nuovo video su YouTube.

Una seconda battuta della sullodata:
“Nessuno si ricorderebbe del Buon samaritano se avesse avuto solo buone intenzioni:
aveva anche  soldi”.

Magnifico!, serve a ricordare che non ci sono buone leggi senza copertura economica:
anche Francesco d’Assisi sarebbe stato d’accordo, lui che ce l’aveva soltanto con il salario come mercificazione-schiavizzazione-umiliazione del lavoro, che distingue l’umanità in due, poveri e ricchi:
il Buon samaritano non era un salariato.

La povertà deriva dal salario, e dalla restrizione del pensiero al fatto di non averlo, ossia al salario che fa povertà (mi daranno del comunista).

Forse manderò questo articolo anche al Papa.

mercoledì 10 aprile 2013

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.