SALUTE-SALUS

Sabato domenica 6-7 aprile 2013
in anno 156 post Freud amicum natum

 

[Riproduco con un supplemento l’articolo di Pasqua intitolato “Due punti”.]

 

Due punti

Il laico che continua a tardare ovunque oggi, era già nel Credo di Nicea del 315, basta aggiungere due punti espliciti là dove erano impliciti e mai esplicitati:

“Credo in un solo Dio: [due punti] Padre
Gesù figlio
Spirito.”

Qui “Dio” (con virgolette motivate) è solo un lemma del vocabolario, un fatto fonetico, pescato nella tradizione linguistica, privo di designazione (concetto) e di denotazione (realtà o ente) propria:
esso designa e denota, senza antecedenti logici o reali, una triade giuridicamente coerente (secondo rapporti), o meglio con una coerenza ancora da individuare dato che uno dei tre è un uomo.

Tra l’altro, una triade di persone che a loro volta non hanno alcun bisogno di pensarsi secondo un antecedente (“Dio”) per giustificarsi, o per darsi un senso:
o peggio per darsi un contenitore di cui fare da contenuto.

Qualsiasi cattolico anzi cristiano avrebbe motivo di definirsi a-teo, e di ritenere la frase isolata “Credo in Dio” come una frase in sé priva di significato:
il che era già pensiero di Cristo, il primo a-teo salvo tolleranza linguistica.

Il cristianesimo non è teo-logico, né religioso, salvo tolleranza per le religioni:
dunque nessuna familiarità (mono)teistica con l’Islam.

Dopo di che si è tornati indietro (alla religione e all’ontologia), dando progresso a questa regressione.

Gesù è un laico perché ha detto la sua, parlando urbi et orbi prima del papa.

Ma certo, capisco l’imbarazzo che sorgerebbe se il papa dicesse ciò che dico, perché molti cristiani protesterebbero:
“Ma come?, ci avete sempre detto che i due punti non c’erano!”

[Supplemento]

Il credente – ma attenzione!, il credente del Credo, quello dei due punti, non un credente indeterminato cioè senza i due punti –, è uno avvantaggiato nel pensiero dal pensiero, ancorché inverificabile, che ce n’è tre (posto che sappia farsene una … ragione, non fede):
tale vantaggio fa tutt’uno della salute e della salus, parola latina facile ma tradizionalmente inquinata per “purificazione” come impoverimento  della salute (scissione salute/salvezza).

Questo impoverimento è chiamato spiritualismo, o anche spiritualità.

Uno schizofrenico, paranoico, melanconico, querulomane, non ha trinità, anche se ne recita la formula o fa il Papa boy;
nel nevrotico la trinità vivacchia e il Papa è una cornacchia (il “significante” lacaniano).

Se fossi Papa la mia prima enciclica inizierebbe da una questione tomistica:
Utrum Papa cornacchia [1] sit an non”, cosa di cui dubitano tutti salamelecchi a parte:
salamelecchi ecclesiastici e civili, e in fondo i migliori sono i cinesi perché proprio non gliene fanno, dunque c’è qualche speranza per lui:
W la Cina!, scrivevo anni fa.

_________________

[1] Linneo lo chiama Corvus corone.

 

THINK!

Il contenuto è protetto!

Fino a nuovo avviso,

i testi proposti sul sito sono accessibili in sola lettura.

Grazie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Tutela della Privacy *

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.