TOLKIEN FILOSOFO

Ancora un esempio, come quello di ieri, di Tribunale Freud ossia di guarigione del pensiero per mezzo del pensiero.

Tolkien è stato uno dei migliori filosofi che abbiamo avuto:
l’oggetto – qualsiasi, nel caso del Signore degli anelli l’anello – è maligno per il solo fatto di trovarsi in posizione di oggetto.

E che cosa lo pone in tale posizione?, risposta:
una frase, “Tesoro mio!” (Gollum):

e in fondo Mordor è un idiota cattivo, mono-maniaco, come Gollum.

Con i suoi colori oscuri o lividi, il romanzo rappresenta visivamente la frase di Freud “l’ombra dell’oggetto cade sull’io”, compreso l’io dei filosofi.

Questo romanzo-saga illustra l’opposizione patologica alla soluzione del Tribunale Freud che è pensiero:
si oppone la necessità di una guerra e di una forza superiore finale.

Questa è una forza della natura, un vulcano dei vulcani, un Dio dei vulcani, un mono-vulcanismo come mono-teismo per distruggere l’oggetto, invece del giudizio pacifico sulla frase (ordine giuridico del linguaggio):
tanto pacifico da non mandare all’inferno nessuno, salvo non impedirlo a chi proprio ci vuole andare:
ne conosco nella loro inaccessibilità di principio (“narcisismo”).

In fondo l’inferno è un manicomio eterno:
il problema logico del paradiso è di sapersene distinguere, il che è sempre stato arduo.

venerdì 15 marzo 2013

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.