NON SONO UN PADRE

[Ho appena terminato l’Articolo 14 della prima Costituzione in video su Youtube  (http://www.youtube.com/user/giacomocontri) dal titolo “La prima Costituzione è una rivoluzione”:
c’è un rapporto con la meditazione che segue.]

Non sono un padre, bene-detto sia il suo nome:
quando è male-detto è il “super-io” di Freud, parricida e omicida.

Qualcuno lo ha detto di me, male.

Gradisco, quando lo merito per il lavoro, che sia bene-detto anche il mio nome (non è accaduto spesso).

Del padre cerco di fare il lavoro cioè con frutto:
il frutto è l’unico beneficio (ecco il “principio di piacere”), non c’è “il Bene”:
lo mando a dire a Platone nel suo purgatorio (non lo mando all’inferno).

Sono un lavoratore cioè un produttore, e riconosco come miei soci solo altri lavoratori come me, a prodotto finito volta per volta, con tempi e modi personali.

Ho commesso più volte l’errore di avere come soci dei non-produttori riuniti in gruppo, e l’ho pagato (ciò è scritto nello Statuto della Società Amici del Pensiero).

Almeno a  questo punto della mia vita non voglio più soci equivoci, a costo di averne pochi.

Come individuo sono in società con amici del pensiero, una categoria che ho supplementato fondando una Società Amici del Pensiero, senza assemblea dei soci né cassa:
un elenco di produttori attestati basta.

lunedì 11 marzo 2013

 

close

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

THINK!

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.