DECADENZA O RIVOLUZIONE

Sabato domenica 23-24 marzo 2013
in anno 156 post Freud amicum natum

 

Venerdì 15 marzo in Tolkien filosofo scrivevo:
“In fondo l’inferno è un manicomio eterno:
il problema logico del paradiso è di sapersene distinguere, il che è sempre stato arduo.”

Non è un problema religioso bensì logico, loico, laico, tanto che J. Lacan scriveva “Il desiderio dell’uomo è l’inferno”:
salvo, come dico io da tempo, ri-costituzione di tutti i termini:

per fare questo ho dovuto rivoluzionare la “pulsione” o legge di moto, ponendo al posto dell’oggetto la materia prima, soggetta al lavoro produttivo  di due partner.

L’amore incede in questa rivoluzione, non c’è amore per l’oggetto ma solo sadismo.

Lacan non è andato oltre Tolkien:
infatti ammette la sola possibilità che l’oggetto a (l’anello in Tolkien) cada o decada, come appunto l’anello nel vulcano.

Freud riscontrava che la patologia non decade mai, è eterna:
l’eternità  concepita nei millenni non è mai stata che questa.

 

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.