PATER NON FAMILIAS

Sabato domenica 2-3 febbraio 2013
in anno 156 post Freud amicum natum

 

[Domenica: mi manca il tempo di scrivere questo articolo, mi limito a un suo paragrafo:]

Nell’antica Roma il pater familias aveva potere di vita e morte sui figli (vitae necisque potestas), poi decaduto ma rimasto anche oggi nel furioso Padre Ideale, padre di tutti i paranoici e querulomani sempre lì a brandire “diritti”:
potrà poi capitare che i figli uccidano il grosso idiota, e mal gliene incoglierà perché resteranno dei piccoli idioti, dei micro del pensiero (con i correlati deliri di “grandezza” tipici dei coniglietti dello spirito), che per esempio inventeranno la microeconomia distinta da quella macro e non sapranno come cavarsela con i derivati e il capitale finanziario.

Ho già detto e scritto anche venerdì che il vero parricidio (anche rinunciando alla parola tradizionale “padre”) è la distruzione del pensiero o anche logicidio o de-menza, che non si manifesta mai tanto bene come nell’indisponibilità a trattare senza fretta un lapsus o un sogno.

[In compenso aggiungo una breve nota:]

Zipatow

Dall’ultima notte mi resta questa parola, suppongo frase, Zipatow (o Tsipatov o Tzipatow),  che ho subito pensato come un nome russo da Cechov.

Non mi importa di non averne cavato nulla, al contrario potrei scriverla  a murales su un muro di casa mia come memento della non fretta e non frenesia cioè della non compulsione maniacale a conferire senso.

In cui si tratta della compulsione della coscienza, che è la figura ossessionante cresciuta nella modernità in sostituzione del sapere, quello che sarebbe accessibile a tutti coloro che si prendono il tempo, e che è indipendente dagli studi e da quel furioso ideale odierno che è chiamato “formazione”:
ripeto che la lettura, cioè il modo-principe di prendersi il tempo senza  meta prestabilita, non è gli studi.

Freud ha criticato la Cultura come bacillocultura, e ciò ne ha fatto un uomo colto.

 

THINK!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Potrai ricevere ogni mattina il Think! del giorno.
Potrai gestire la tua iscrizione in modo autonomo e, se vuoi, cancellarti in qualsiasi momento.

Riceverai ogni mattina l'ultimo articolo pubblicato!
Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Su questo sito molte funzionalità sono rese possibili dall’uso di cookie (tecnici o di terze parti) che vengono installati nel Suo dispositivo.
Per l’uso dei cookie di terze parti abbiamo bisogno del Suo consenso: per sapere quali usiamo e come gestirli può leggere la nostra COOKIE POLICY e decidere liberamente quali attivare o come bloccarli; in questo caso alcune funzionalità potrebbero non essere più disponibili.